I GIOVANI E IL LAVORO ...

Ragazzi e ragazze che cercano di sostenersi adagiandosi sul supporto dei genitori ... adagiandosi anche su quello che gli uffici sociali concedono in caso di disoccupazione.
Il benessere è una bella cosa … ma frenano o bloccano lo spirito d’iniziativa dei giovani.
Lo “scugnizzo” vissuto sulla strada … sempre nell’esigenza di dover pensare a come fare per mangiare "non ha problemi di esistenza" … non ha bisogno dell’aiuto di qualcuno per sopravvivere.
Il benessere invita a “al dolce far niente” avendo già un supporto necessario per vivere ugualmente bene ... si rimane in costante attesa di una comoda fonte di guadagno … allettante … conveniente … senza pericoli … senza sforzi fisici e tantomeno mentali.
Una situazione del genere è un reale stato di fatto che conoscono molto bene i giovani che hanno sempre vissuto in un ambiente dove nulla è mancato … dove anche con la minima assistenza sociale è possibile vivere ugualmente “benino”.
Diventare autosufficienti lo si deve imparare dalle esperienze che la vita stessa offre.
Esperienze che i giovani di oggi cercano di evitare ... evitare di fare esperienze di vita vissuta ... evitare la scuola più effettiva per imparare a vivere meglio ... meglio ancora dell’università … meglio ancora di una qualsiasi professione imparata a scuola..
Giovani che preferiscono rimanere in attesa che qualcuno offre lavoro senza voler avere l’iniziativa di guadagnare denaro con delle idee proprie.
Per arrivare a questo è necessario fare movimento … senza movimento si vegeta buttando via il periodo più fruttifero e più interessante della vita.
Ci si adagia sulle spalle di chi ti ama ... si approfitta del bene dei genitori che continuano a proteggere fintanto che possono … e quando loro non ci sono più ?
La tua esistenza può essere meglio assicurata solo se si impara al più presto possibile nel diventare autonomi avendo il coraggio di buttarsi nell’incognito.
Solo in tal modo impari a superare con facilità qualsiasi ostacolo previsto o imprevisto.
Solo così impari ad avere quello spirito d’improvvisazione che ti aiuta ad evitare le difficoltà che sul tuo cammino si presenteranno.
Con le amare ma sempre utili esperienze impari a conoscere sempre meglio la giungla moderna in cui vivi ed avere un futuro migliore.
Lavorare come dipendente con la costante paura di venire licenziati forse per antipatia da parte di qualche dipendente che vuole fare carriera ... oppure per acquisita antipatia da parte del datore di lavoro nei tuoi confronti … oppure per poco lavoro o addirittura per il fallimento dell’azienda : non è certo rassicurante … 
Se è questo che tu vuoi ti devi allora adattare allo stipendio mensile che riceverai ... ma non ti devi lamentare se il guadagno da dipendente non è sufficiente per vivere come tu vorresti.
Chi conosce l’università della vita non ha bisogno di nessuno per vivere anche se una iniziativa autonoma di carattere imprenditoriale dovrebbe fallire. 
In tal caso se ne costruisce una nuova senza perdere tempo ... si sviluppa una nuova idea realizzando una nuova iniziativa ... si riparte con nuove energìe … si riparte con una nuova determinazione nel voler raggiungere nuovi obiettivi … si riparte con più esperienza alle spalle … si riparte senza aver paura del futuro.
Vivere lavorando per conto proprio ... sempre curiosi di quello che ancora potrà avvenire … sempre desiderosi di realizzare qualcosa di nuovo ... vivere superando le difficoltà della vita con il solo frutto della propria iniziativa è "una grande soddisfazione".
Solo avendo il coraggio di buttarsi nell’incognito con il frutto del proprio lavoro esiste la garanzia di benessere.
Lavorare in autonomìa … senza seguire le direttive di un datore di lavoro è una immensa gioia che solo una persona vincente può raggiungere.
Con il coraggio e la capacità d’improvvisazione : si arriva ovunque.
Con il coraggio di buttarsi nell’incognito senza inutili paure si raggiunge un qualsiasi traguardo con il fine di guadagnare denaro.
Raggiungere il benessere per te … per il tuo futuro … per la tua famiglia … è il massimo che si può avere dalla vita … avendo alla fin fine anche la soddisfazione di poter dire : “questo io ho fatto”.
Se vuoi vivere bene : non devi lasciare spazio alla paura.
Se vuoi vivere senza dipendere da qualcuno o da qualcosa devi avere il coraggio di buttarti nell'incognito.
Impara a nuotare nel mare della vita … ma ti devi buttare tu senza aiuto alcuno.
(pubbl. nel mese di agosto del 2013 su FB)