PERCHE' NON SI VIENE ASSUNTI IN UN ESERCIZIO PUBBLICO ?

Quando si reagisce ad un inserto di ricerca “offerte di lavoro” con il recapito telefonico di un datore di lavoro apparso su un giornale locale oppure su internet è d’uso chiamare via telefono il datore di lavoro, ma non si trova un accordo …

Perché ?                     

Domandare quanto si guadagna non serve a niente anche se si riceve l’accordo via telefono di una cifra abbastanza allettante.

Una volta arrivati sul posto di lavoro si viene valutati in base alle prestazioni dimostrate nel lato pratico ma anche in base al fattore umano nell’inserimento in un team di colleghi (simpatia/antipatia) per cui tutto può cambiare correndo il rischio di essere anche subito licenziati dopo solo qualche giorno di lavoro oppure ci si deve accontentare di una cifra molto inferiore di quella concordata via telefono (i costi del viaggio non vengono in ogni caso rimborsati).

NB : oltre allo stipendio in genere i datori di lavoro mettono anche a disposizione gratuita del vitto e dell’alloggio del valore di ca. 600.—Euro).

Conclusione … con questa domanda si viene probabilmente subito eliminati via telefono.

Per esperienza il datore di lavoro sa già come andrà a finire quando si parla di soldi via telefono con un candidato sconosciuto che decanta la sua professionalità.

Chi conosce il settore della ristorazione sa già quali sono gli orari di lavoro altrimenti si consiglia di informarsi al ristorante vicino di casa in quanto gli orari d’apertura degli esercizi pubblici sono uguali in tutto il mondo … gli orari di lavoro si orientano sulla frequenza della clientela per cui giorno per giorno irregolari.

Può anche avvenire che un giorno si lavora 12 e più ore nei giorni di punta e in alcuni giorni si lavora solo 8/10 ore.

In genere, nel settore della ristorazione si è liberi un giorno alla settimana così come ca. 3 ore nel pomeriggio dei giorni lavorativi.

Nel settore della gelateria il discorso è diverso in quanto si lavora molto nei giorni di molto caldo, non si lavora nei giorni freddi e piovosi ma bisogna ugualmente essere presenti.

Con domande di questo genere si dimostra di non aver tanta voglia di lavorare per cui molto probabilmente si viene anche subito eliminati.

Domandare se il posto di lavoro si trova in un paese o in una città è ugualmente inutile … il datore di lavoro dubita subito sulla tua poca voglia di lavorare.

Pretendere via telefono un contratto di lavoro oppure parlare dei diritti del lavoratore mette subito in guardia il datore di lavoro … lui sa molto bene “guai in vista” se ti assume.

Se il datore di lavoro è preso per il collo è possibile che ti assume … ma ti licenzia subito dopo aver trovato un altro candidato più convincente che non effettua domande del genere, il nuovo candidato accetta l’offerta e parte subito.

Ogni datore di lavoro che opera nel settore della ristorazione, quando riceve la chiamata da parte di un interessato che cerca lavoro conosce già il significato di queste domande … il datore di lavoro conosce già per esperienza che il candidato che pone troppe domande via telefono fa parte di quelle tante persone che non hanno mai portato a buon fine una relazione di lavoro.

Quando si cerca un posto di lavoro si consiglia di non fare domande inutili e di partire immediatamente per mettersi in prova pratica, dimostrando in tal modo il proprio valore professionale ed umano.

Mai cercare un posto di lavoro rimanendo a casa disoccupati in attesa che arrivi quello più “allettante” … il miglior posto di lavoro lo si cerca “lavorando” senza aver già abbandonato un posto di lavoro … solo così non si è mai disoccupati.

L’EFFETTIVO VALORE DI UNA PERSONA NON DIPENDE DA QUELLO CHE SI DICE DI ESSERE … PIU’ CHE ALTRO DIPENDE DA QUELLO CHE SI “DIMOSTRA SENZA PARLARE”.

Se si desidera trovare un posto di lavoro, e se si ha “veramente voglia di lavorare” segui questi consigli, altrimenti sarai sempre alla ricerca di un posto di lavoro.

Nota bene che : il tempo che perdi rimanendo a casa disoccupato è denaro che butti via giorno per giorno.