Foto Nonno
Nato a Milano nell'anno 1941 da madre napoletana e da padre milanese.
A 20 anni mi sono licenziato dalla Edison subito dopo aver concluso il servizio nella marina militare ... mi recai alla stazione centrale di Milano ... ho preso il primo treno in partenza senza sapere in quale direzione andava.
Arrivato ad Amsterdam in Olanda, per sopravvivere, ho scaricato sacchi di patate dai battelli in arrivo sui canali.
Dopo qualche settimana entro in Germania lavorando prevalentemente nel settore della gastronomia ... dopo un certo periodo entro nel commercio come rappresentante.
Ho visitato diversi paesi in Europa cosí come anche oltreoceano entrando a far parte del management in diversi settori marketing con il quale ha potuto accumulare un grande bagaglio di esperienza nelle relazioni umane.
Per 5 anni direttore della forza vendita della Chicco di Como, filiale a Monaco di Baviera in Germania.
In seguito attivitá autonoma a carattere imprenditoriale come consulente aziendale.
Strada facendo ho approfondito sempre di più lo studio della psicologia e filosofia di vita che mi ha permesso di poter comprendere i conflitti e i motivi per i quali una buona parte degli esseri umani soffrono e si torturano.
---
Mia madre desiderava intensamente una femminuccia, ... grande fu la sua delusione quando invece venne al mondo un maschietto.
Forse ... questo fermo desiderio portato avanti per 9 mesi da parte di mia madre, mi ha indirettamente donato una caratteristica forse genetica che mi ha accompagnato per tutta la vita : quella di potermi mentalmente immedesimare in una donna.
Con questa facoltà ho sempre potuto percepire i segnali di quello che una donna registra nella sua mente.
Forse é proprio questa caratteristica che mi permette di descrivere abbastanza fedelmente quello che al mondo avviene fra la donna e l'uomo quando ci si innamora e quando ci si separa.
Essere già preparati a quello che potrebbe avvenire aiuta a superare meglio le difficoltá che la nostra vita puó sempre presentare.
Il mio modo di raccontare descrivendo gli avvenimenti non segue le regole della didattica italiana ... piú che altro segue le regole di una conversazione a voce per cui a volte fermo la lettura con 3 puntini ( ... ) concedendo una pausa di riflessione.
E.Z.